Noi siamo l'Aurora

Serie B, una stagione da incorniciare!

Serie B, una stagione da incorniciare!

8 maggio 2018

Titoli di coda. Domenica, a Verbania, abbiamo vissuto l’ultimo atto di una stagione agonistica che ci ha dato tante soddisfazioni.

L’immagine più bella è proprio l’ultima: appena suonata la sirena di fine partita, che ha decretato la vittoria di Omegna in gara-3, un centinaio di desiani, vestiti di arancio, si sono alzati in piedi ad applaudire la squadra, uscita sconfitta solo nel punteggio. Mai applausi sono stati più meritati.

Se riavvolgiamo il nastro di questa stagione, non possiamo dimenticare di come sia stata costruita la squadra di quest’anno. Fedele alla propria filosofia, volta alla valorizzazione dei giovani e del settore giovanile in particolare, l’Aurora 2017/18 si è presentata ai nastri di partenza con uno dei roster più giovani di tutta la serie B e composto per 7/12 da ragazzi cresciuti nel nostro settore giovanile: un gruppo chiamato singolarmente a fare il salto di qualità sotto la guida di un coach a cinque stelle come Fabrizio Frates.

Abbiamo iniziato con cinque sconfitte consecutive, con sei nelle prime sette. Là dove molti gruppi si sarebbero sfaldati, questa Aurora ha trovato internamente le risorse per reagire alle difficoltà sul campo e agli infortuni. Da dicembre il campionato arancio-blu è stato caratterizzato da una continua crescita, che ha portato la squadra a scalare le posizioni in classifica e a giocarsela su ogni campo, anche contro franchigie sulla carta inabbordabili.

I cento che hanno seguito l’Aurora in trasferta per l’ultima partita sapevano perfettamente di non avere i favori del pronostico, ma hanno percorso i chilometri verso Verbania con la certezza che ogni goccia di sudore sarebbe stata versata sul campo. E così è stato.

Quella che è stata la fine di una stagione non è che un passo ulteriore sul sentiero della crescita che stiamo intraprendendo. Nuove aziende entreranno nel mondo Aurora e altri progetti vedranno la luce nei prossimi mesi.

Intanto, un grazie di cuore va a dirigenti, staff tecnico e giocatori, dal più senior all’ultimo bimbo del minibasket. Noi siamo l’Aurora.

Potrebbero interessarti

Sponsors