Noi siamo l'Aurora

La Lettera di Saluto di Gabriele Ghirelli

La Lettera di Saluto di Gabriele Ghirelli

26 Giugno 2022

Avevo 8 anni quando ho varcato per la prima volta la porta dell’Aldo Moro. Da quel momento,
l’unico mio desiderio è stato arrivare in prima squadra per vincere con l’Aurora.


Oggi, dopo 26 anni con l’arancio e il blu cuciti sulla pelle, posso uscire da questo club felice. Non
solo per esser riuscito a coronare quel mio desiderio di bambino che guardava i grandi allenarsi
tutti i giorni, ma, soprattutto, perché mi sento d’aver restituito, almeno in parte, quel che l’Aurora
mi ha dato in tanti anni. Sono entrato che ero un bambino ed esco ora che sono un uomo, e non
sarò mai abbastanza grato all’Aurora per aver contribuito a crescermi come persona, prima ancora
che come giocatore e allenatore.


Questa gratitudine però, voglio condividerla con voi, perché mentre scrivo, ripenso a tutti quei
ricordi e sensazioni che ho provato: le facce, le voci, i momenti di questo viaggio lungo e tanto
intenso.


Un grazie enorme va a tutti coloro che mi hanno accompagnato in tutti questi anni.
Ai miei compagni di gioco delle annate ‘85 e ’84.
A tutti gli allenatori che mi han guidato da giocatore e assistente.
Ai giocatori che ho avuto il piacere di allenare e ai miei collaboratori. Tutti mi avete restituito più
di quel che io ho dato a tutti voi.
A tutti coloro che han fatto parte di questa società nel corso degli anni.
A tutti i tifosi che han sempre affollato il palazzetto, perché la passione che c’è sempre stata a
Desio, fin dalle giovanili, è sempre stata il fuoco per fare ogni giorno meglio del precedente.


Un grazie speciale però voglio farlo a Bob e Klaudio, due compagni di squadra che sono tutt’oggi
più che due semplici amici.
A Teresa ed Enrico, che in quel di Desio mi hanno spinto ad intraprendere la carriera di allenatore,
andando ben oltre all’insegnarmi quel mestiere.
A Pino, Orazio e Siro, che mi han visto crescere e che saranno sempre angeli custodi di tutte le
persone che lavoreranno per l’Aurora.
E a Sebastian, che mi ha dato per primo un’opportunità quattro anni fa e per cui gli sarò sempre
grato.


Purtroppo nella vita tutto ha una fine. Le visioni sul domani non collimano più ed è giusto quindi
che le strade tra me e la società prendano due vie differenti, senza alcun tipo di rancore da parte
di entrambi. Quello che abbiamo fatto inseme negli ultimi anni è stato incredibile e resterà per
sempre nella storia di questo club.


Grazie Aurora. Forza Arancio Blu. Sempre.


Ghiro

Potrebbero interessarti

AURORA DESIO PARTNER